GLI ANNI DELL'ALFA ROMEO 1950-1951

 

Il 13 maggio 1950 a Silverstone il marchese Antonio brivio, ex pilota di alto livello, abbassa la bandiera a scacchi davanti al muso delle quattro ALFA Romeo 158 schierate in prima fila: é l'inizio del primo campionato mondiale di Formula 1.

Naturalmente le diversità rispetto ai nostri giorni sono immense, i piloti corrono indossando una tuta, la testa é "protetta" da un casco in tela o pelle, il busto del pilota sporge di molto dall'abitacolo, il viso é semiscoperto, anche le monoposto sono tut'altra cosa, ovviamente effetto-suolo ed aerodinamica sono concetti sconosciuti, si punta sulla potenza dei motori (posizionati davanti al pilota), i Gran Premi sono massacranti, durano quasi tre ore su distanze di 500 km, i partecipanti cambiano di gara in gara, solo i piloti dei teams ufficiali sono sempre presenti o quasi, ci sono molte squadre private e diversi concorrenti partecipano a titolo personale, in campo veri squadroni, con anche quattro o cinque monoposto.

Le gare in calendario valide per il campionato sono sei (sette considerando Indianapolis), Gran Bretagna, Monaco, Svizzera, Belgio, Francia  ed Italia, i piloti sono, per la maggior parte, veterani delle corse anteguerra: Farina ha 44 anni, Fagioli 52, Rosier 45, Chiron 50, Etancelin 54 (classe 1896) Taruffi 44, Sommer 44, Bonetto 47, Sanesi 39, Villoresi 41, Fangio 39, relativamente giovane Ascari, solo 32 anni, non mancano i nobili: il barone svizzero de Graffenried ed il principe siamese Birabongse Bhanuban, chiamato semplicemente Bira, che é anche il primo asiatico in Formula 1. Manca il "maestro" Tazio Nuvolari che ha 58 anni e non si crede finito, spera nella Cisitalia GP, che non debutterà mai. Il parco macchine é obsoleto: le ALFA Romeo 158 gareggiano dal 1938, la Talbot é stata ideata 10 anni prima e solo rimodernata nel 1948, è relativamente nuova la Ferrari. I partecipanti cambiano ad ogni GP, alla prima gara sono iscritte 22 monoposto, ma Bonetto (Maserati) non parte, oltre alle quattro ALFA ci sono 5 Talbot, 6 Maserati, 4 ERA e 2 Alta, é possibile correre in copia ed infatti gli inglesi Shawe-Taylor e Fry si alternano al volante della loro Maserati privata, il dominio delle ALFA Romeo é netto, 1)Farina 2)Fagioli 3) Reg Parnell, Fangio si deve ritirare, il quarto é il francese Giraud-Cabantous staccato di due giri, a Montecarlo, otto giorni dopo, debutta la Ferrarim con tre 125 per Ascari, Villoresi e Sommer, Ascari finisce secondo ad un giro da Fangio, al terzo posto un'altra macchina italiana: la Maserati con il pilota locale Louis Chiron, in questa gara si registra anche il debutto della Cooper, che monta un motore Jap 1100 ed é guidata da Schell, debutta anche la francese Gordini, il 30 maggio si corre ad Indianapolis, ma con piloti e vetture completamente diverse, anche se prende il via una Maserati-Offy, il 4 giugno in Svizzera vince ancora Farina su Fagioli, in Belgio é ancora il turno di Fangioche si ripete in Francia, a sorpresa Enzo Ferrari non schiera la sua squadra in questa gara, Ascari corre e vince nella gara di F2, é comunque in gara una Ferrari iscritta privatamente dall'inglese Peter Whitehead, che si classifica al terzo posto, sarà questa l'unica volta che la Ferrari è rappresentata in una gara di F1 da un privato, in altre occasioni o sarà presente la squadra ufficiale oppure non sarà presente alcuna monoposto di Maranello. La gara decisiva é il Gp d'Italia : Fangio ha 26 punti, Fagioli 24, Farina 22, vince, forse contro le aspettative dell'ALFA, Nino Farina che si laurea campione del mondo anche grazie al ritiro di Fangio, la Ferrari é molto competitiva e lotta per la vittoria, Ascari rompe la sua macchina e sale su quella di Dorino Serafini, classificandosi secondo, particolare curioso: per regolamento anche Serafini viene classificato secondo, questa sarà l'unica apparizione nel mondiale per il pilota italiano che così vanta il curioso record di un podio nell'unica gara disputata, unica partecipazione anche per una curiosa Ferrari motorizzata Jaguar, condotta ed iscritta da Clemente Biondetti.

Il dominio delle monoposto italiane continua anche nel 1951, Fangio vince la gara del debutto in Svizzera, Farina vince in Belgio, in Francia Fangio vince con la macchina di Fagioli, al quale viene così attribuita una vittoria in F1, a Silvertsone succede quello che da tempo era nell'aria: l'argetino Froilan Gonzales (partito in pole) porta per la prima volta alla vittoria la Ferrari (é il modello 375) battendo il connazionale Fangio, le Ferrai sono  ormai allo stesso livello delle ALFA Romeo, in questa gara debutta la BRM e si vede in pista anche un'inedita Ferrari motorizzata TWS, iscritta dal team Vanwall che aveva debuttato con Reg Parnell in Francia,  15 giorni dopo si corre sul mitico circuito del Nurburgring e vince Ascari, sempre battendo Fangio, al terzo, quarto, quinto e sesto posto Gonzales, Villoresi, Taruffi e il privato Fisher, tutti su Ferrari., Ascari vince anche il GP d'Italia a Monza, predecendo il compagno di squadra Gonzales, é la prima "doppietta" della Ferrari, solo tre punti lo separano da Fangio (28 a 25), indubbiamente Fangio ed Ascari sono i migliori piloti del momento, in Spagna, il 28 ottobre, vince Fangio battendo Gonzales e Farina, Ascari autore della pole é solo quarto, la superiorità delle ALFA in questa gara é dovuta ad una scelta di pneumatici più azzeccata rispetto alle Ferrari, l'argentino vince il primo dei suoi cinque campionati del mondo, a fine stagione l'ALFA Romeo annuncia il ritiro, in due anni ha vinto 10 delle 13 gare disputate e due mondiali piloti su due.

Massimo Bosso